Onlineprinters settembre 2020
 

JCDecaux chiude il 2019 a quota 3,89 miliardi di euro, con una crescita del 2%

JCDecaux ha chiuso il 2019 con un fatturato di 3.890,2 milioni, con una crescita organica del 2%.
Il fatturato digitale sale del 33% e rappresenta ora il 25,2% dei ricavi totali.

JCDecaux chiude il 2019 a quota 3,89 miliardi di euro, con una crescita del 2%

“Questo dimostra chiaramente il successo commerciale della nostra strategia digitale, che stiamo implementando in nuovi mercati in tutto il mondo – ha commentato Jean-Charles Decaux, Co-Direttore Generale di JCDecaux -. Il nostro portafoglio diversificato di paesi è un elemento chiave per compensare la debolezza del nostro più grande mercato, la Cina, nel secondo semestre, con una notevole performance negli Stati Uniti e buoni risultati commerciali in Europa, che rappresenta sempre oggi più del 50% del nostro fatturato totale”.

L’Arredo urbano, con una crescita organica del +5,3% è spinto da una crescita del fatturato digitale del +28,6%, che rappresenta il 21,9% del fatturato dell’Arredo urbano. Il settore dei Trasporti registra una crescita organica positiva del +0,3%, e risente nel secondo semestre di un deterioramento delle attività in Cina, in particolare a Hong Kong, parzialmente compensato da una forte crescita del fatturato digitale del +26,7% che rappresenta il 30,3% del fatturato Trasporti.

Le Affissioni registrano una diminuzione del fatturato organico del -3,5% penalizzate dalle condizioni di mercato difficili in Francia e nel Resto del mondo, nonostante l’impatto positivo della razionalizzazione e della digitalizzazione dei grandi formati nel Regno Unito e una forte crescita del fatturato digitale delle Affissioni Gruppo del +95,5%, che rappresenta il 20,6% del fatturato Affissioni.

Il fatturato digitale Gruppo resta molto concentrato con il 71% proveniente da 5 paesi (Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Germania e Cina).

JCDecaux chiude il 2019 a quota 3,89 miliardi di euro, con una crescita del 2% ultima modifica: 2020-02-03T08:54:08+01:00 da editorbrand01

Tags:

Related posts

Comment