La Generazione Z è super selettiva con i profili da seguire, che però sono determinanti nel processo d’acquisto

Quinto highlight della ricerca Z Factor di Havas Media sui comportamenti mediali della GenZ

Sono pochi, pochissimi, i brand che i giovani della Generazione Z scelgono di seguire. La maggior parte segue meno di 10 brand su Instagram mentre un nativo digitale su dieci non ha messo il like su nessun canale social di brand.

L’interesse e la decisione di seguirne uno scattano davanti a contenuti di qualità, impegnativi dal punto di vista produttivo. Ma per i brand è un investimento che potrebbe valer la pena di sostenere visto che Instagram è il luogo dove scatta l’intention to buy nel 30% dei casi: è la piattaforma principale sulla quale si raccolgono informazioni su prodotti e servizi e si pianifica l’acquisto. Soprattutto però ci si fa ispirare.

L’originalità, ovvero la capacità di emergere dal rumore di fondo dei social e di stupire ogni giorno, è la caratteristica più apprezzata dai ragazzi della Generazione Z, insieme a una cifra stilistica forte, non solo nell’estetica dei contenuti ma all’ordine con il quale vengono presentati.

Mantenere uno stile visivo coerente e un mood riconoscibile e differenziante dunque paga.

Continua la prossima settimana con l’highlight ‘Un solo canale, mille possibilità: YouTube’.

***

Notizie correlate:

La generazione del prossimo futuro sotto la lente di ingrandimento di Havas Media e ZooCom

I brand preferiti dalla Generazione Z: pochi, ma con un’identità definita e uno storytelling che fa la differenza

1° highlight – La televisione per la Generazione Z: rimane accesa, ma da passiva diventa (inter)attiva

2° highlight – Il posto dell’audio nella dieta mediale della Generazione Z: video didn’t kill the radio

3° highlight – Per la Generazione Z Instagram è una cosa seria. Manuale di psicologia del like

4° highlight – La Generazione Z utilizza i social in modo passivo, simile a quella che era la tradizionale modalità di fruizione della TV

6° highlight – Un solo canale, mille possibilità: YouTube. La Generazione Z lo usa per divertirsi, informarsi, imparare, ispirarsi

7° highlight – Toglietemi tutto, ma non il mio smartphone! La Generazione Z passa il 33% della giornata davanti a uno schermo

8° highlight – La Generazione Z fa un uso ‘snack’ dell’informazione: rapido e poco approfondito

9° highlight – Le generazioni cambiano, ma non i loro bisogni: ecco come li soddisfano i più giovani

La Generazione Z è super selettiva con i profili da seguire, che però sono determinanti nel processo d’acquisto ultima modifica: 2019-03-12T09:37:16+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment