Onlineprinters marzo 2020
 
Brand News > MEDIA > TV >  

Discovery Italia: 20 nuovi format italiani e tante conferme per il 2020/21. Piscopo “Buone prospettive per settembre”

Il gruppo televisivo guidato dall’a.d. Alessandro Araimo ha presentato i palinsesti 2020/21 e accelera sull’online

Dopo aver chiuso il miglior semestre di sempre in termini di share, Discovery Italia guarda alla prossima stagione televisiva proponendo oltre 20 nuovi format italiani e accelerando sull’online. Ma soprattutto confermando i principali volti e programmi di successo.

E non poteva essere altrimenti visti i riscontri di audience: «Con un +10% di share siamo il gruppo che è cresciuto di più rispetto allo scorso anno – ha detto l’a.d. di Discovery Italia Alessandro Araimo -. Una crescita omogenea di tutto il portafoglio, non solo sul lineare ma anche sul digitale. Proprio sull’online e sull’on demand intendiamo accelerare con nuovi contenuti esclusivi premium su DPlay Plus e nuovi accordi di distribuzione con partner importanti che porteranno il nostro servizio ott in tutti i device e nelle case degli italiani”.

Rientra in quest’ottica anche la partnership siglata con Triboo per distribuire sugli oltre 50 siti del network contenuti video e pubblicità. «E’ una partnership che nasce da una grande sinergia editoriale con un network che ha properties che coprono tematiche vicine alle nostre – spiega Araimo – . Triboo vanta una reach potenziale di oltre 13 milioni di utenti mensili e questo ci permetterà di incrementare l’audience online. I contenuti veicolati attraverso un nostro player, che ci permetterà dunque di mantenere sia audience che raccolta pubblicitaria all’interno del nostro network».

Anche i nuovi format – 20 quelli italiani e 50 quelli internazionali – “sono ormai pensati anche per la fruizione non lineare, una tendenza che ha visto un’accelerazione negli ultimi mesi” ha spiegato Laura Carafoli, SVP chief content officer di Discovery Italia.

Da sinistra Alessandro Araimo – amministratore delegato di Discovery Italia, Laura Carafoli – SVP chief
content officer, Fabrizio Piscopo – general manager di Discovery Media

Tra le novità, segnaliamo su Nove “Quasi quasi cambio i miei” al via da dicembre, un esperimento social in cui due adolescenti si scambieranno le famiglie per vivere esperienze opposte; a settembre ‘Gino cerca chef’ in cui il nuovo volto del canale Gino D’Acampo accompagnerà 54 aspiranti chef nel loro desiderio di trovare un contratto di lavoro in uno dei suoi 49 ristoranti in Gran Bretagna. Poi il nuovo format con Francesco Panella, ‘Riaccendiamo i fuochi’, al via da ottobre.

Su Real Time, decimo canale nazionale con l’1,5% di share nelle 24 ore, in arrivo nel 2021 la versione italiana di  Bad Habits, Holy Orders, “Ti spedisco in convento”, l’esperimento sociale in cui 5 ragazze tra i 18 ed i 23 anni abbandoneranno alcool, fidanzati, social media e smartphone per passare (a sorpresa) 3 settimane chiuse in convento, dove un gruppo di suore cercherà di riportarle sulla retta via.

Tante conferme per i volti e i programmi di successo. Maurizio Crozza sarà protagonista di 13 nuove puntate dal 18 settembre, con lui a ottobre ritorna Daria Bignardi con ‘L’Assedio’ e Peter Gomez, che “da dicembre sarà protagonista di un nuovo format, una ‘Confessione 2.0” ha detto Carafoli.
A settembre torna anche ‘Deal with it – Dati al gioco’ con 60 nuove puntate e poi ‘Accordi&Disaccordi’ (11 puntate), ‘Bake Off’, ‘Matrimonio a prima vista”, “Primo appuntamento” e “Cortesie per gli ospiti”.

Nove, che con l’1,6% nelle 24 ore si conferma nono canale nazionale, continuerà poi nel suo racconto dell’attualità. “A settembre – ha spiegato il direttore Aldo Romersa – partiranno 16 nuovi appuntamenti con ‘Nove Racconta’ con cui parleremo di mafie e crimini a partire dagli uomini dello Stato che li combattono”.

Termina invece ‘Amici’ nel day time di Real Time: “E’ stata una storia di grande successo, ma preferiamo concentrarci sui nostri brand” ha spiegato Carafoli.
Completano l’offerta di Discovery i canali Food Network, Giallo e l’ultimo arrivato Hgtv – che collezionano sul target femminile 15-54 una share del 4,2% – Dmax e Motortrend al 2,8% di share su maschi 25-54 – e per l’area kids K2 e Frisbee al 13% di share sul target 4-10 anni.

Performance ancor più accentuate nel mese di giugno, con il portfolio all’8,5% sugli individui e al 10,5% sul target commerciale 25-54.

 

RACCOLTA: A MAGGIO SEGNO MENO DIMEZZATO

Per quanto riguarda invece i conti, i dati 2019 saranno disponibili entro fine mese mentre “per il 2020 – ha detto Araimo – la visibilità è molto limitata, quasi giornaliera. Come previsioni a livello di mercato televisivo, siamo allineati alla stima di GroupM, che vede una flessione del 17%. Per la chiusura d’anno saranno comunque decisivi gli ultimi 4 mesi dell’anno”.

Gli fa eco Fabrizio Piscopo, da fine 2019 alla guida della concessionaria di pubblicitaria Discovery Media: “Chiudiamo un semestre sopra la media mercato. E’ passata un po’ la paura, ho parlato con tanti clienti e tutti quanti scalpitano per ripartire. La ripresa è già iniziata a fine maggio, con l’alimentare e il farmaceutico in evidenza tra i settori, ma non vediamo ancora il segno positivo. Diciamo che abbiamo dimezzato il segno negativo e per settembre le prospettive sono positive”.

 

Discovery Italia: 20 nuovi format italiani e tante conferme per il 2020/21. Piscopo “Buone prospettive per settembre” ultima modifica: 2020-07-08T09:42:25+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment