Il Sole 24 Ore: clienti, digital e prodotti tematici al centro del piano 2019-22. Nel Q1 pubblicità a -4,3%

Il cda del gruppo editoriale ha approvato il nuovo piano e i risultati del primo trimestre 2019, che si chiude con un rosso di 1,7 milioni di euro

Clienti,  digital, prodotti tematici ed efficienze sui costi sono i pilastri del piano 2019-2022 del Sole 24 Ore, approvato ieri dal cda.

Sviluppato dal nuovo management e già precedentemente approvato dal cda in data 7 febbraio 2019, prevede lo sviluppo di un sistema di offerta integrato che adotta un approccio maggiormente customer centric (rispetto a quello tradizionale product driven) partendo dall’individuazione di cluster di utenti ai quali offrire contenuti su misura e cogliendo le potenziali sinergie di ricavo e di costo.

Il Sole 24 Ore: clienti, digital e prodotti tematici al centro del piano 2019-22. Nel 1Q pubblicità a -4,3%

Le nuove iniziative individuate sono finalizzate ad ampliare l’offerta di contenuti con un particolare focus sullo sviluppo integrato di servizi digital e prodotti dedicati ai professionisti e al core target business, e ad allargare la base clienti a nuovi segmenti di clientela attualmente non raggiunti dai prodotti del Gruppo.

Al fine di supportare lo sviluppo dei ricavi, il Piano prevede un’accelerazione degli investimenti commerciali e di quelli in tecnologie abilitanti nuovi modelli di business con particolare riferimento alle nuove piattaforme digital e social che consentano la sperimentazione di nuovi formati audio/visual e di nuovi canali distributivi dell’informazione, la customizzazione dei contenuti e la profilazione degli utenti.

Nel periodo di piano sono previsti ricavi consolidati in crescita del 2,7% (cagr 2019-2022) e una marginalità in miglioramento che porta l’Ebitda a evidenziare un cagr 2019-2022 pari a +20,3%, anche grazie alle maggiori efficienze conseguibili nei costi diretti e nei costi operativi delle strutture centrali.

I DATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2019

La società ha chiuso i primi tre mesi del 2019 con un risultato netto negativo per 1,7 milioni di euro, che si confronta con un risultato positivo per 1,3 milioni di euro del primo trimestre 2018 che beneficiava del provento non ricorrente di 3,2 milioni.

I ricavi sono stati pari a 50,2 milioni di euro, in calo rispetto ai 51 dello stesso periodo del 2018 (-0,8 milioni, pari a -1,6%). Tale variazione è dovuta in particolare alla diminuzione dei ricavi editoriali di 0,5 milioni (-1,9% da 26,6 a 26,1 milioni) e al calo dei ricavi pubblicitari per 0,8 milioni (-4,3% da 19,3 a 18,5 milioni), parzialmente compensata dalla crescita degli altri ricavi per 0,5 milioni (+10,5% da 5,1 a 5,6 milioni di euro).

In particolare:

–  i ricavi diffusionali del quotidiano (carta + digitale) ammontano a 12,7 milioni di euro, in aumento di 0,3 milioni di euro (+2,6%) rispetto al primo trimestre 2018.

–  i ricavi pubblicitari, pari a 18,5 milioni di euro, sono in diminuzione di 0,8 milioni di euro (-4,3%) rispetto al primo trimestre 2018. I ricavi pubblicitari su mezzi del Gruppo ammontano a 17,9 milioni di euro (-2,3% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio) e quelli su mezzi di editori terzi ammontano a 0,4 milioni di euro (-54,4%).

–  i ricavi delle banche dati, pari a 8,4 milioni di euro, sono in diminuzione del 9,2% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio.

 

Il Sole 24 Ore: clienti, digital e prodotti tematici al centro del piano 2019-22. Nel Q1 pubblicità a -4,3% ultima modifica: 2019-05-16T17:26:33+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment