Domus a novembre in edicola con due allegati

Torna l’appuntamento annuale con il Contract mentre ad accompagnare la undicesima monografia dell’anno c’è anche un secondo inedito allegato: Domus Eyes on Iran

Domus a novembre è in edicola con due allegati speciali. Innanzitutto, torna l’appuntamento annuale con il Contract che per questa edizione approfondisce due tipologie di spazi per la collettività entrambi soggetti ad un forte evoluzione: l’hotellerie e gli
uffici.

Il punto di partenza dell’indagine firmata Domus sono i dati forniti da alcuni osservatori di ricerca, in particolare l’Osservatorio smart working del Politecnico di Milano, Cushman&Wakefield e The Instant Group, tramite i quali la testata cerca di capire se il capitale umano tornerà effettivamente ad occupare gli spazi aziendali e con quali eventuali nuove modalità.

Domus a novembre in edicola con due allegati

Il focus di Domus (92 pagine) racconta poi nuove proposte progettuali che interpretano le attuali esigenze del mondo del lavoro e passa in rassegna quegli strumenti tecnologici che aiutano a creare nuove relazioni: dalle app per la gestione degli spazi e per il networking ai software per facilitare la comunicazione a distanza.

Contestualmente Domus mette a fuoco il mondo dell’hotellerie concentrandosi sul nuovo format dell’hotel urbano e sui fenomeni di “staycation and bleasure”. Un racconto corale realizzato tramite progetti e tante interviste autorevoli che spiegano come i fattori trainanti della rigenerazione urbana siano di fatto da un lato l’hotellerie di lusso e dall’altro quella più low cost.

Ad accompagnare la undicesima monografia dell’anno firmata dal guest editor Tadao Ando, c’è anche un secondo importante e inedito allegato: Domus Eyes on Iran, nato dalla speciale collaborazione tra Domus e l’Ambasciata Italiana in Iran e curata dal direttore editoriale di Domus Walter Mariotti.

Interamente scritto in lingua inglese, il volume (allegato anche agli abbonati Italia ed estero) racconta le meraviglie architettoniche di Teheran svelando le nuove generazioni di progettisti e architetti del Paese. Una panoramica sui progetti, sugli studi di architettura, sul design e sulle opere d’arte più interessanti: un viaggio “con gli occhi di Domus” che permette di scoprire una terra sconosciuta a molti ma assolutamente affascinante e ricca di spunti di riflessione.

L’allegato (48 pagine) si inserisce in un ampio progetto di comunicazione iniziato alcuni mesi fa con la condivisione sui canali social del brand Domus di dieci video realizzati interamente dall’Ambasciata, anche attraverso le testimonianze raccolte dagli architetti iraniani e italiani che hanno realizzato le opere o contribuito alla loro realizzazione.

Un progetto che conferma l’approccio multidisciplinare di cui Domus, come tutti i brand di Editoriale Domus, è portavoce, come lo stesso Walter Mariotti spiega: “Domus sta portando avanti in questi anni di un sistema integrato di conoscenza dove non solo digitale e cartaceo si completano a vicenda ma soprattutto dove architettura e design escono dal loro status di discipline verticali ed esclusive, per soli addetti ai lavori, per diventare invece matrici culturali aperte, polisemiche, capaci di diffondere conoscenza e di integrarsi con altre discipline generando effetti di senso e creazione di ulteriore valore culturale, sociale ed economico”.

Domus a novembre in edicola con due allegati ultima modifica: 2021-11-03T11:39:01+01:00 da Redazione

Related posts

Comment