Eggers kamasutra
 

Le novità di Google Marketing Live. Una ricerca sempre più visuale, più insight e automazione

Dagli annunci su YouTube Shorts alle nuove soluzioni di automazione e insight, tante le novità presentate al Google Marketing Live.

All’evento dedicato agli inserzionisti è stata presentata l’evoluzione delle ricerche su  Google e su YouTube, primo passo che per milioni di persone prelude a un acquisto.

Sarà una ricerca sempre più visuale, dato che presto i commercianti potranno visualizzare i modelli 3D dei loro prodotti direttamente sulla Ricerca Google, permettendo agli acquirenti di vederli facilmente nei loro spazi.

Le campagne Video action e le App Campaign verranno visualizzate automaticamente su YouTube Shorts, che oggi conta in media oltre 30 miliardi di visualizzazioni giornaliere, quattro volte di più rispetto a un anno fa. «Entro la fine dell’anno, sarete in grado anche di collegare il feed dei prodotti alle campagne e facilitare l’acquisto a partire dagli annunci video su YouTube Shorts» ha detto Jerry Dischler, Vice President and General Manager, Ads.

Automazioni e insight che sfruttano i dati di prima parte e l’esperienza nel marketing in sinergia con il machine learning di Google è un altro punto forte della presentazione.

Le campagne Performance Max sono state dunque aggiornate con: più strumenti per sperimentare, come i test A/B che permettono di verificare come Performance Max stia favorendo conversioni incrementali; maggiore supporto nella gestione delle campagne in Search Ads 360 e nell’app mobile Google Ads; supporto per gli obiettivi di vendita in negozio così da ottimizzare le vendite in negozio, oltre alle visite ai negozi e alle azioni di prossimità; massimizzazione dell’impatto per le campagne a ripetizione per un periodo di tempo prestabilito, così da contribuire al raggiungimento degli obiettivi di vendita in negozio durante gli eventi stagionali; nuovi insight e approfondimenti tra cui quelli relativi ai consumatori, all’audience e alle aste, in modo da capire cosa sta determinando le performance; punteggio di ottimizzazione e consigli per capire come migliorare la campagna.

Insights page, che utilizza il machine learning per identificare segmenti di domanda dei consumatori e fornire trend personalizzati di dati, è stata ampliata con tre nuovi report che saranno disponibili nei prossimi mesi: Attribution insights che mostra come gli annunci interagiscono sulle piattaforme Google; Budget Insights che trova nuove opportunità per ottimizzare il budget e mostra come si stia muovendo l’investimento rispetto agli obiettivi di budget; Audience Insights per i dati di prima parte che mostrano come i segmenti di clienti stiano guidando le performance delle campagne.

Presentato anche un case study di Sanbittèr che aggiungendo YouTube al media mix ha potuto raggiungere una copertura addizionale su un pubblico maturo, over 55. Una campagna YouTube di 5 settimane è stata eseguita insieme a spot TV esistenti per misurare la copertura incrementale.

Sono stati consegnati un totale di 142 TRP, con un target solo demografico per i consumatori di età superiore ai 35 anni. Sia gli annunci non skippabili (60%) che gli annunci bumper (40%) sono stati acquistati all’asta. YouTube ha raggiunto il 56,2% degli utenti di età superiore ai 35 anni, aiutando la campagna totale a raggiungere il 92,5% di copertura se combinata con la TV.

Complessivamente, è stata fornita una copertura extra di +13,5 punti percentuali rispetto alla TV, con il picco maggiore proveniente dalla fascia 35-44 a +28 punti percentuali. Gli spettatori TV meno assidui hanno visto il 66% di copertura di YouTube (+38 punti percentuali di copertura extra rispetto alla TV), mentre gli spettatori che guardano la TV con un uso medio hanno visto il 62% della copertura di YouTube.

Dischler ha rassicurato gli inserzionisti riguardo l’introduzione di Il Mio Centro per gli annunci, che consentirà agli utenti di mantenere il controllo della propria privacy e della propria esperienza online. «Queste soluzioni possono e dovrebbero funzionare ancora per gli inserzionisti. Possiamo infatti favorire la privacy, supportando allo stesso tempo l’ecosistema pubblicitario».

Le novità di Google Marketing Live. Una ricerca sempre più visuale, più insight e automazione ultima modifica: 2022-05-26T12:04:28+02:00 da Redazione

Related posts

Comment