UNA presenta il report ‘Il mercato del lavoro nel settore della comunicazione italiana’ che evidenzia un forte gender gap

Meno donne e molti giovani popolano le aziende della comunicazione: è la prima evidenza dell’indagine di UNA, quest’anno in forma biennale e che raccoglie i dati del 2019 e del 2020. Il report comprende tutte le società attive negli ambiti della consulenza creativo/strategica (agenzie creative, digital, social, ecc.), della realizzazione e della produzione (cdp audio, video, stampa, digital, ecc.) e della pianificazione media, PR, listening e social ed esplora l’impatto della pandemia ha avuto sulle imprese del settore. Una parte significativa del rapport è stata dedicata al tema della Diversity inclusion.

I principali risultati dicono che:

– Milano si conferma capitale della comunicazione con oltre il 50% delle imprese del campione;

– i giovani tra i 15 e i 34 anni rappresentano il 53,1% del totale occupati, il 31,9% in più rispetto alla media nazionale;

– le donne sono il 50,3% dei dipendenti, in forte diminuzione rispetto agli anni precedenti (nel 2019 erano il 65%): i nuovi ingressi sono il 41,8% contro il 58,4% di donne in uscita. Le donne sono anche in minoranza nei board delle società rispondenti con il 35,8% contro il 64,2% di uomini;

– pochissimi gli stranieri: ce n’è almeno 1 in solo 26 aziende su 100 e solo 2 società su 100 hanno più di 20 lavoratori stranieri, ovviamente fanno parte di grandi network internazionali;

– il ricorso alla cassa integrazione Covid nel 2020 è stato attuato dal 67,8% dei rispondenti, mentre il 32,1% dichiara di non averla utilizzata e solo il 7,5% aveva fatto ricorso alla CIG prima dell’emergenza sanitaria;

– il lavoro agile è stato attivato dall’81,6% delle società nel corso del 2020 e il 14,5% dei rispondenti prevede di non mantenerlo;

– l’87,6% del campione è costituito da micro e piccole imprese (queste ultime sono il 50,4% con fatturato da 1 a 10 milioni), il 6% sono medie imprese e le grandi sono il 7%; rispetto alle edizioni precedenti dell’indagine micro e medie imprese sono diminuite, mentre le piccole sono aumentate;

– il 2,8% delle imprese è stato costituito nel 2020, il 6,3% esiste dagli anni ’70 o prima, il 32,2% è stato creato negli anni 2010 e il 26,6% negli anni 2000.

L’indagine ha voluto anche confutare a diffusa percezione che si ha del lavoro creativo, molto stressante e con orari a volte proibitivi a fronte di una elevata flessibilità/libertà e di benefit di varia natura per bilanciare questa disfunzione.

All’indagine, che è stata svolta in collaborazione con il Master in Digital Communications Specialist di ALMED, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, hanno partecipato 172 società, pari all’11,5% di quelle contattate e che, confrontate con l’universo stimato di 28mila imprese digitali attive in Italia (diventano 36mila considerando altre categorie che si occupano di comunicazione in senso più ampio), sono un campione sufficientemente rappresentativo.

SCARICA LO STUDIO

UNA presenta il report ‘Il mercato del lavoro nel settore della comunicazione italiana’ che evidenzia un forte gender gap ultima modifica: 2021-11-18T11:09:32+01:00 da editorbrand01

Related posts

Comment