Nielsen: il largo consumo chiuderà il 2019 a +1,4%. A trainare il centro e sud Italia

Nel sud Italia possibile effetto positivo del reddito di cittadinanza. Ottima performance di food e beverage mentre tornano in negativo i comparti del non alimentare (cura casa, cura persona, no food), che chiuderanno il 2019 a -0,3%.

Le vendite a valore del largo consumo in Italia chiuderanno il 2019 con una crescita del 1,4% rispetto al 2018. Il dato è stimato a partire dalle rilevazioni Nielsen Total Store, che prendono in considerazione l’andamento dei reparti alimentari (comprensivi di beverage e pet care), dei reparti dedicati alla cura della casa e della persona e del no food (bazar leggero, pesante e tessile).

A fronte di un dato progressivo che a ottobre si è attestato al +1,6% – spiega una nota – la previsione di Nielsen è che l’anno si chiuda in positivo nonostante un possibile rallentamento delle vendite nelle ultime settimane del 2019. Nello specifico, i reparti Food & Beverage + Pet, a quota +2,0% nel dato progressivo di ottobre 2019, chiuderanno l’anno a +1,8%, mentre i reparti del cura casa, del cura persona e del no food, in calo del -0,2% a ottobre, chiuderanno l’anno a -0,3%.

Nielsen: il largo consumo chiuderà il 2019 a +1,4% a valore. A trainare il centro e sud Italia

“I dati di ottobre sono in linea con il mercato FMCG nell’Eurozona e siamo fiduciosi che la chiusura dell’anno a +1,4% rispetto al 2018 porterà a moderata ma continua crescita nel 2020 – ha dichiarato Romolo de Camillis, Retailer Services Director di Nielsen Italia – Nell’ultimo anno, però, all’interno del mercato italiano sono emerse spiccate differenze geografiche: la GDO nelle regioni del Sud è in crescita da gennaio, contrariamente ai trend negativi del 2018. A questo ha contribuito principalmente la trasformazione dei format distributivi, unita ad una contrazione del dettaglio tradizionale nelle regioni Meridionali e ad un parziale contributo del provvedimento del reddito di cittadinanza”.

Il dato dell’evoluzione dei metri quadri conferma la trasformazione della rete distributiva nel Sud: con gli ipermercati e i liberi servizi che perdono terreno (rispettivamente -32mila mq e -27mila mq a settembre 2019 vs. settembre 2018) e il discount che continua ad avanzare (+38mila mq), è palese che il Meridione stia beneficiando di una rete distributiva in fase di rinnovo sia in termini di metri quadri, sia in termini di servizi offerti.

Tra le diverse cause della crescita del largo consumo al Sud non va comunque escluso l’effetto positivo di maggiori consumi sostenuti dal reddito di cittadinanza, di cui le regioni meridionali sono state le principali beneficiarie. In particolare, in Campania, Calabria, Sicilia, Puglia e Sardegna, regioni dove il reddito di cittadinanza ha avuto un impatto medio-alto (inteso come medio-alta % di beneficiari sul totale popolazione, fonte: INPS, agosto 2019), si apprezza un miglioramento dei trend settimanali rilevati da Nielsen a parità di rete distributiva, dal +2,5% del primo quadrimestre al +3,1% di primavera/estate (Nielsen, Gennaio-Aprile 2019 vs Maggio-Agosto 2019).

Tornando al quadro generale, se in Italia nel 2018 la crescita della GDO è stata trainata principalmente dalle insegne discount, il 2019 ha visto aggiungersi tra le insegne più performanti anche alcune aziende dei supermercati.

Per il canale discount si confermano performance molto positive dei reparti dedicati ai prodotti freschi, altro sintomo di profonda trasformazione dei negozi. Infatti l’offerta discount, nata con un focus sui prodotti confezionati, si sta progressivamente affermando su prodotti freschi e ad elevata frequenza d’acquisto: oggi il fresco rappresenta l’88% della crescita del canale (peso imposto e peso variabile, incl. gastronomia, salumeria e formaggi + frutta e verdura + carne, dato progressivo ottobre 2019).

Tra le azioni di contrasto dei supermercati alle insegne discount, si evidenzia il ritorno dei prodotti a marchio proprio di “primo prezzo”: nel dato progressivo ad Ottobre 2019, questo segmento cresce del +20,5%, invertendo la tendenza negativa osservata nel corso del 2018.

Lo scenario di mercato attuale, con profonde trasformazioni in corso, lascia presagire un 2020 durante il quale la selezione degli assortimenti da proporre a scaffale giocherà un ruolo fondamentale nel mondo del largo consumo: la ricchezza assortimentale richiesta dal cliente andrà coniugata con una sempre maggiore efficienza di filiera.

Nielsen: il largo consumo chiuderà il 2019 a +1,4%. A trainare il centro e sud Italia ultima modifica: 2019-12-03T14:16:01+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment