Nielsen: anche la spesa nella GDO va in quarantena, il trend rimane positivo ma non cresce più a doppia cifra

Il rallentamento della crescita si deve alle nuove procedure di ingresso nei negozi che limitano l’afflusso, alla continua ascesa dei negozi di vicinato e le restrizioni del governo che vietano la vendita di prodotti non essenziali come cancelleria ed elettronica di consumo

Al quarto appuntamento con le analisi di largo consumo e distribuzione, Nielsen segnala che nella settimana tra lunedì 16 e domenica 22 marzo le vendite nella grande distribuzione organizzata continuano a crescere, ma il trend a valore rallenta: non più a doppia cifra come nelle settimane precedenti, però pur sempre positivo (+5,4% a parità di negozi) rispetto allo stesso periodo del 2019.

Altra differenza con la settimana precedente è l’accelerazione del Nord Est che registra l’incremento più alto su base tendenziale (+8,9%), seguito dal Sud (+8,3%), dal Nord Ovest (+4,2%) e dal Centro (+2,3%).

Nel commento di Romolo De Camillis, Retailer Service Director di Nielsen Connect in Italia, la seconda settimana di quarantena ufficiale fa registrare un rallentamento della crescita rispetto ai trend a doppia cifra delle ultime settimane, sia per le nuove procedure di ingresso nei negozi che limitano l’afflusso per garantire le distanze di sicurezza, sia per la continua ascesa dei negozi di vicinato che permettono di limitare il tragitto per la spesa. Ma sul rallentamento della crescita incidono anche le restrizioni del governo che vietano la vendita di prodotti non essenziali come cancelleria ed elettronica di consumo.

Continua la corsa dell’eCommerce. In dettaglio, il trend di crescita maggiore si registra nei liberi servizi (+40,8%), nei supermercati (+18,5%) e nei discount (+6,7%), mentre si accentua il calo di specialisti drug (-40%) e ipermercati (-12,2%), così come dei format cash & carry (-52,4%) in linea con il decremento della settimana scorsa. Continua la corsa dell’eCommerce il cui trend di crescita delle vendite di prodotti di largo consumo è stato del +142,3%, in rialzo di 45 pp rispetto alla settimana precedente. Le categorie di prodotti più vendute rientrano sempre nei 3 ‘effetti’ battezzati da Nielsen rispettivamente ‘stock’, ‘prevenzione e salute’ e ‘resto a casa’. Nel promo ambito spiccano farina (+186,5%), uova (+53,7%) e latte UHT (+34,1%) che ricadono nella tendenza a fare torte in casa; nel secondo si fa notare la crescita dei guanti (+263,7%) ed è sempre molto richiesta la carta igienica (+28,4%), mentre il terzo effetto sembra segnalare ancora il ricorso alla versione casalinga dell’aperitivo (pizza surgelata +45,7%, vino +12,4%, birre alcoliche +11,3%) e aumenta la richiesta di comfort food (+61,3% gli spalmabili dolci, +21,5% i gelati, +16,2% i wafer) oltre che di camomilla (+76,3%).

Nielsen: anche la spesa nella GDO va in quarantena, il trend rimane positivo ma non cresce più a doppia cifra ultima modifica: 2020-03-30T11:20:25+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment