L’impatto del covid-19 sugli investimenti pubblicitari sarà pesante, per tre su quattro -20% e oltre. Ma la maggioranza vede una ripresa nel secondo semestre

Oltre 260 professionisti che lavorano in aziende, agenzie e concessionarie di pubblicità hanno risposto al sondaggio lanciato da Brand News sull’impatto dell’emergenza sanitaria sugli investimenti pubblicitari nel primo e nel secondo semestre. Ecco la loro opinione

Lo stato del mercato pubblicitario per la prima parte dell’anno è desolante e, a parte qualche eccezione, lascia poco margine all’ottimismo. Meglio nel secondo semestre se, come tutti ci auguriamo, a maggio potrà avvenire la riapertura delle attività commerciali e concessa una certa libertà di movimento a patto che l’epidemia venga debellata.

Questo il sentiment che emerge dal sondaggio che Brand News ha proposto ai suoi lettori raccogliendo la loro opinione sull’impatto dell’emergenza sanitaria sugli investimenti pubblicitari.

SCARICA I DATI COMPLETI, SUDDIVISI ANCHE PER AZIENDE, AGENZIE E MEZZI

Al sondaggio, aperto dal 24 al 31 marzo, hanno risposto 262 professionisti che lavorano in aziende (35,5%), agenzie (56,9%) e concessionarie di pubblicità (7,6%). Per la maggior parte dei quali – il 75% – gli investimenti subiranno un calo superiore al -20%: per il 31% il calo si aggirerà tra il -20% e il -30% ma per il 44,4% si andrà oltre -30%. Coloro che indicano un calo tra -10 e -20% sono il 19,5% mentre il 5% prevede un calo contenuto entro il -5%.

Di poco migliore la situazione per gli investimenti complessivi di marketing, extra media, vale a dire tutte quelle attività che vanno dalla consulenza strategica agli investimenti in tecnologie, digitalizzazione o ricerche di mercato. Per il 3,4% non ci sarà alcun impatto; per il 9,2% sarà contenuto entro il -5%; per il 26% tra -10% e -20%; mentre si dividono in ugual misura (30,7%) coloro che prevedono un calo tra -20% e -30% e quelli che vanno oltre il -30%.

Confidando nell’efficacia delle norme di sicurezza predisposte dal governo e dunque nel contenimento del contagio, la luce in fondo al tunnel potrebbe vedersi nella tarda primavera. Secondo la maggior parte del campione  – il 76,3% – gli investimenti potrebbero essere sbloccati almeno in parte nella seconda parte dell’anno, una quota di ottimisti pari al 17,2% conta che verranno sbloccati in toto mentre i pessimisti – il 6,5% del campione – prevedono che gli investimenti di marketing saranno sospesi fino al 2021.

Il punto di vista delle aziende

Filtrando le risposte e considerando solo quelle giunte dai lettori marketer emerge che il 46,2% prevede un calo degli investimenti superiore al 30% e quasi altrettanti – 47,3% – quantifica il calo tra il -10 e il -30%. Solo il 6,5% contiene il calo entro il -5%.

Sugli investimenti di marketing, a parte poche unità che prevedono un impatto nullo o limitato, la maggioranza stima cali a due cifre, nel 31,5% dei casi superiore al -30%.

Le prospettive per fine anno ricalcano pressapoco quelle della totalità del campione, con un 17,2% che conta di sbloccare completamente gli investimenti e almeno in parte per il 77,4%.

Il punto di vista delle agenzie

Anche la maggioranza dei rispondenti (74,3%) che lavorano nelle agenzie prevede per il primo semestre un calo superiore al -20%, con il 38,5% nella parte più pessimista riguardo gli investimenti in pubblicità. Fronte investimenti di marketing il sentiment è un po’ meno negativo: anche se pochi confidano che non ci sarà impatto, il 12,8% prevede un calo contenuto entro il -5%. La maggior parte comunque prevede un calo tra il -20% e il -30%. Sul secondo semestre il sentiment dei professionisti d’agenzia rispecchia quello del campione complessivo, con il 19,5% che spera nello sblocco dei budget nella loro interezza.

Il punto di vista delle concessionarie

Le concessionarie di pubblicità sono purtroppo quelle colpite più duramente e infatti l’80% segnala un crollo degli investimenti superiore al 30%. Anche negli investimenti di marketing il 60% stima un calo superiore al -30% , il 25% dal -20 al -30%, il 10% dal -10 al -20%. Nessuno infine spera in uno sblocco totale dei budget nel secondo semestre ma il 95% conta su un recupero parziale quando la situazione sarà più stabile.

SCARICA I DATI COMPLETI, SUDDIVISI ANCHE PER AZIENDE, AGENZIE E MEZZI

L’impatto del covid-19 sugli investimenti pubblicitari sarà pesante, per tre su quattro -20% e oltre. Ma la maggioranza vede una ripresa nel secondo semestre ultima modifica: 2020-04-01T06:00:43+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment