After Cannes 2019 masthead
 

La Generazione Z utilizza i social in modo passivo, simile a quella che era la tradizionale modalità di fruizione della TV

Quarto highlight della ricerca Z Factor di Havas Media sui comportamenti mediali della Generazione Z

Quello dei ragazzi che utilizzano i social media per esprimere la propria creatività creando contenuti sembra essere più che altro un mito. Per lo più le attività svolte sui social sono infatti passive e solo il 6% del tempo passato su di essi è dedicato alla produzione e alla condivisione di contenuti.

Un generico ‘cazzeggio’ (leggi ‘passatempo’) è l’attività più frequente per i ragazzi della Generazione Z, con quasi un quarto del tempo investito, seguito dall’ascolto della musica, intrattenere conversazioni all’interno di chat private e guardare video.

Così vediamo che su Facebook, Instagram e Youtube vige una fruizione passiva, simile a quella del modello televisivo e degli altri media tradizionali, che caratterizzava le generazioni precedenti.

Anche gli algoritmi contribuiscono a questa passività: condizionano infatti le ricerche, attività che occupa circa un altro 15% del tempo online, come anche la musica consigliata da Spotify e YouTube affine ai gusti personali registrati dalle piattaforme.

Unici territori dove il modello prosumer resiste sono le Instagram Stories e le community, con la produzione di meme e il suggerimento di spunti all’interno del gruppo per la creazione di nuovi contenuti.

Le Stories sono utilizzate per condividere momenti della propria giornata: i 13-18enni ne caricano dalle 5 alle 10 al giorno, i 19-23enni dalle 3 alle 5 mentre il numero si riduce a poche alla settimana per gli over 24. Ciò avviene, soprattutto per i più grandi, con una particolare attenzione alla qualità dell’editing aggiungendo gif, filtri ed effetti prima della pubblicazione.

L’approfondimento continua la prossima settimana con ‘La GenZ è super selettiva con i profili da seguire’

***

Notizie correlate:

La generazione del prossimo futuro sotto la lente di ingrandimento di Havas Media e ZooCom

I brand preferiti dalla Generazione Z: pochi, ma con un’identità definita e uno storytelling che fa la differenza

1° highlight – La televisione per la Generazione Z: rimane accesa, ma da passiva diventa (inter)attiva

2° highlight – Il posto dell’audio nella dieta mediale della Generazione Z: video didn’t kill the radio

3°highlight – Per la Generazione Z Instagram è una cosa seria. Manuale di psicologia del like

5°highlight – La Generazione Z è super selettiva con i profili da seguire, che però sono determinanti nel processo d’acquisto

6° highlight – Un solo canale, mille possibilità: YouTube. La Generazione Z lo usa per divertirsi, informarsi, imparare, ispirarsi

7° highlight – Toglietemi tutto, ma non il mio smartphone! La Generazione Z passa il 33% della giornata davanti a uno schermo

8° highlight – La Generazione Z fa un uso ‘snack’ dell’informazione: rapido e poco approfondito

9° highlight – Le generazioni cambiano, ma non i loro bisogni: ecco come li soddisfano i più giovani

La Generazione Z utilizza i social in modo passivo, simile a quella che era la tradizionale modalità di fruizione della TV ultima modifica: 2019-03-05T09:37:52+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment