Amazon Bedroom_1000x250
Amazon GameRoom_1000x250
Amazon LivingRoom_1000x250
 

Beintoo studia l’evoluzione del customer journey post pandemia. Live shopping, Publitalia vuole partire con dei test

Beintoo ha organizzato un appuntamento per riflettere sui vantaggi delle strategie phygital e sulla figura del consumatore multicanale

Il covid ha accelerato il cambiamento digitale in tema di consumi e di comunicazione. Modifiche del comportamento che fanno ormai parte del nostro percorso quotidiano: secondo Doxa infatti 8 consumatori su 10 non sono tornati ai comportamenti pre pandemia.

Beintoo, presente il ceo Andrea Campana, ha voluto approfondire la figura del consumatore ormai omnicanale, perché se è vero che le persone – soprattutto la popolazione meno anziana – vive serenamente una dimensione online/offline, diversi brand faticano a offrire soluzioni in grado di soddisfare le aspettative dei clienti. A tracciare una fotografia della situazione è stato Antonio Filoni, head of innovation & digital offering Bva-Doxa, che ha spiegato come i momenti di relax, liberi da impegni lavorativi, rappresentino il momento elettivo per gli acquisti online. E quindi come la componente entertainment possa giocare favorevolmente, molto più che una fredda pagina di catalogo.

Se per molte aziende è importante far convivere la componente fisica del negozio e quella online, secondo il 65% delle persone ascoltate da Doxa solo pochi brand mettono in atto un processo lineare senza creare frizioni e offrendo un buon livello di soluzioni integrate verso il cliente.

Omnicanalità che se ben adottata dalle aziende può garantire una serie di vantaggi – per brand e clienti – riassunti in una serie di keyword come conoscenza (attraverso la raccolta dati per le società e reward per le persone), relazione (personalizzazione e senso di unicità per il consumatore), fiducia (correttezza e rassicurazione) e fedeltà (ovvero aumento del carrello e maggiore frequenza dei negozi).

Tra le opportunità di cui si è parlato nella tavola rotonda è emersa anche quella degli eventi di live shopping, di cui sta parlando sempre di più e che in Cina ad esempio sono un  grande successo di business. «Potrebbero essere un ottimo ponte tra mondo fisico e digitale – ha detto Alice Morrone, head of omnichannel conversion marketing di Find – con un tasso di conversione molto alto».

Live shopping, Publitalia vuole partire con dei test

Uno strumento di comunicazione e di vendita nuovo, seppur stretto parente delle classiche televendite, di cui si sta parlando sempre di più grazie agli interessanti risultati che sta riscontrando nel mondo. Si tratta dei live shopping, programmi di intrattenimento e approfondimento centrati sui prodotti, condotti spesso da influencer, e da tempo praticati nel mondo social.

A scendere in campo con dei test ad hoc sarebbe ora anche Publitalia, come ha annunciato Paola Colombo, general manager adtech&business development di Publitalia: «Per noi è una naturale evoluzione del prodotto pubblicitario. Partiremo con un test per capire le potenzialità insieme ad alcuni brand, ancora da individuare».

Beintoo studia l’evoluzione del customer journey post pandemia. Live shopping, Publitalia vuole partire con dei test ultima modifica: 2022-09-28T11:48:11+02:00 da Redazione

Related posts