Onlineprinters novembre 2019
 

Da We Are Social 6 trend per la comunicazione del 2020

L’agenzia ha pubblicato l’analisi Think Forward Report 2020, un anno che vedrà internet e i social regolamentarsi ulteriormente rendendo più tortuose  ma anche più motivanti  le strade del marketing

We Are Social ha pubblicato oggi Think Forward Report 2020, sei trend per orientarsi nella comunicazione del 2020. Un anno che secondo l’agenzia vedrà internet e i social regolamentarsi ulteriormente rendendo più tortuose – ma anche più motivanti – le strade del marketing.

“Abbiamo ormai la netta sensazione di essere giunti a uno spartiacque – commenta Bruno Tecci, head of strategy di We Are Social -. Da una parte ciò che è stato finora: la rotta, il sentiero che abbiamo percorso. Dall’altra, una grande incognita. Siamo perfettamente consci del fatto che Internet, quel ‘giocattolo’ che tanto negli anni ha avuto la capacità di esaltarci, di farsi amare, di rendersi necessario, si sia oggi un po’ deteriorato. Perché qualcuno ha ecceduto con le ‘funzioni collaterali’. Risultato? Adesso, ogni tanto, ci sembra di avere a che fare con una sorta di intelligenza artificiale troppo intelligente, in grado di prendere il sopravvento. E così, eccoci che cerchiamo di correre ai ripari. Basta all’odio, all’influenza, alla distrazione dilaganti in rete. Eccoci che tentiamo di aggiustare quel giocattolo, di imbrigliarlo un po’, sperando di non doverlo gettar via per ripensarne uno nuovo. Perché nel frattempo, senza di esso, proprio non saremmo in grado di stare. I sei trend che abbiamo individuato con Think Forward Report 2020 di quest’anno ci parlano proprio di questo: sono sia una fotografia dei giorni da “esame di coscienza” che stiamo vivendo sia delle chiare coordinate per muoversi – a livello di comunicazione ­– nello scenario che ci attende il prossimo anno”.

Da We Are Social 6 trend per la comunicazione del 2020

• Added Value
Ha a che fare con il crescente riconoscimento – a livello di proprietà intellettuale, stile e creatività originali – che i contenuti dei creator stanno ottenendo, in primis dalle relative community. I brand devono stare ora molto più attenti che in passato nel non sfruttare ma coltivare questi talenti, per non generare rigetto da parte di chi li segue e sostiene.

• Social Self-Care
Ci racconta di quanto le persone siano oggi molto più attente alla loro mental health e di come, di conseguenza, si approccino in maniera più misurata e consapevole al consumo digital. I brand, come massivi creatori di contenuti, devono essere capaci di veicolare, attraverso le proprie campagne, “qualità e valore emozionali” per non esser tagliati fuori.

• Bad Influence
Tratta, naturalmente, di influencer e della loro lucentezza che, in alcuni casi, si sta offuscando. Perché una volta erano un faro di autenticità, competenza, rilevanza, ma poi col tempo – diventando molti di essi “media di massa” – le maglie si sono allargate lasciando passare un po’ di tutto. Le persone ne sono consapevoli e divengono giorno dopo giorno più attente rispetto a pertinenza e qualità di ciò che essi veicolano.

• Overt Privacy
I social: da grande palcoscenico a stanza privata. Dopo anni di ultra-esposizione le persone sono stanche di apparire troppo sui canali e venire, di conseguenza studiate e “sorvegliate”. Stanno riprendendo il controllo della loro presenza, cancellando le impronte lasciate lungo il cammino digital. Nascondendosi dai brand, dalle piattaforme e pure dalle proprie cerchie più ampie. Ai brand si presenta la sfida di essere più discreti e intimi. Di capire come chiedere il permesso.

• Running Commentary
Che, brevemente, parla di “lunghezza narrativa”. I social sono maturi: la brevità non è più la chiave del successo. Piuttosto, complessità e articolazione rispondo meglio al bisogno di argomentazione e opinione che le persone manifestano in certi ambiti. I brand, con trasparenza e onestà, devono cercare di individuare, e poi avere un punto di vista, rispetto agli argomenti che interessano davvero alle loro audience. I meme continuano a funzionare ma non bastano più.

• Cultural Crossfit
La logica secondo cui le persone siano un insieme di interessi verticali separati ed ermetici è decisamente superata. La fluidità è la realtà. È normale farsi guidare da apertura e collaborazione, soprattutto in rete. Le culture, le categorie, le verticalità e i generi vengono costantemente mescolati e vissuti senza paratìe stagne. I brand non solo devono sposare questa attitudine, ma spingersi pure oltre, in luoghi, con linguaggi e partner mai immaginati prima.

“Se nella versione 2019 del nostro report abbiamo tracciato il perimetro della zona d’impatto di determinati aspetti legati all’evoluzione (e all’uso) sia dei social sia della tecnologia digitale – conclude Tecci – quest’anno diamo le proporzioni dell’impatto. E quindi della sfida che si presenta a chi comunica. Che deve adattarsi, innovare e creare sempre nuove strategie per legarsi alle proprie audience, soprattutto le più giovani, fatte di persone non più lì, immobili e disponibili, pronte a essere raggiunte da messaggi qualsiasi. Per questo i brand, al di là di ogni granitico brand positioning devono aver chiaro qual è il proprio communication role, qual è la propria maniera di ‘stare’ all’interno della società, la propria chiave per essere un brand activist”.

 

SCARICA LA RICERCA

Da We Are Social 6 trend per la comunicazione del 2020 ultima modifica: 2019-11-07T16:28:31+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment