RadioCompass si fa in 3 e mostra come la moltiplicazione dei dispositivi aumenti il valore del prodotto editoriale radio 

Per RadioCompass appuntamento il 15 aprile e il 6 maggio con due webinar brevi e il 27 maggio con un format ibrido

L’evento di approfondimento e promozione della radio di FCP-Assoradio in collaborazione con Mindshare, agenzia media di GroupM, torna con tre appuntamenti. Due di questi, il 15 aprile e il 6 maggio, sono webinar di breve durata, mentre il terzo il 27 maggio avrà un formato ibrido anche perché premierà le migliori creatività tabellari ed extra.

Roberto Binaghi, Fausto Amorese

La prima sessione il 15 aprile sarà dedicata all’efficacia delle campagne radio con ‘La radio rende’ per approfondire i fondamentali della radio e lo stato di salute del mezzo e 5 case study di successo.

Il 6 maggio il tema sarà ‘La radio costruisce’ per dimostrare che “la radio non è solo un mezzo tattico, ma costruisce brand awareness e non lavora solo sull’ultimo miglio”, ha sottolineato Roberto Binaghi, Presidente e CEO di Mindshare, con un focus sulla creatività con i direttori creativi delle principali agenzie individuati da UNA e Adci.

Il 27 maggio sul tema ‘La radio innova’ interverrà Erica Farber, Presidente e CEO del RAB Usa, con una visione sulle prospettive del mezzo, per fare poi spazio alla premiazione delle campagne.

Binari paralleli. Gli appuntamenti di RadioCompass serviranno anche a riassestare la prospettiva sulla radio dopo uno strano 2020 in cui gli investimenti sono crollati del 25% perché il mercato si attendeva un analogo crollo degli ascolti, come se gli ascoltatori fossero solo pendolari sintonizzati sulle autoradio. I dati TER hanno poi smentito questo assioma, ma con qualche mese di dislocazione temporale. “Stiamo lavorando sui tempi più brevi delle rilevazioni che però sono in contrasto con l’obiettivo di dare un dato stabile a tutte le emittenti, anche a quelle locali”, ha spiegato Fausto Amorese, Presidente FCP-Assoradio.

“Abbiamo il vizio di collegare il mezzo al dispositivo come se la radio passi ancora dall’omonimo elettrodomestico”, ha commentato Binaghi per sottolineare invece come la moltiplicazione dei dispositivi – pc, mobile, smart speaker, TV – stia esaltando il valore del prodotto editoriale radiofonico e che l’innovazione è anche nel comportamento d’ascolto, non solo nelle tecnologie.

Il 2021 degli investimenti pubblicitari, intanto, è partito ancora con il freno a mano, ha detto Amorese: gennaio fa -34% e febbraio -31% anche perché si confrontano con gli omologhi del 2020 che invece andavano veloci (+12% gennaio e +15,6% febbraio) e che si sommano all’incertezza del momento. Per Binaghi però “il 2021 della radio è tutto da fare, continuiamo ad avere previsioni positive da parte dei clienti, forse l’inizio dell’anno è stato un po’ più freddo del previsto, ma pensiamo che con l’inizio dell’estate si possa tornare a una normalità progressiva e il 2021 ha tutte le prerogative per essere un buon anno”.

24 Ore System, Manzoni, Mediamond, Open Space, Prs, Rai Pubblicità, RDS Adv e Team Radio sono le concessionarie partner di RadioCompass che quest’anno ha il supporto di SpecialGLUE, partner tecnologico degli appuntamenti digital.

RadioCompass si fa in 3 e mostra come la moltiplicazione dei dispositivi aumenti il valore del prodotto editoriale radio  ultima modifica: 2021-03-30T12:05:52+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment