Onlineprinters settembre 2019
 

E’ ora di fare pulizia del chiasso digitale che ha stufato gli utenti. Nei trend per il 2019 Fjord il silenzio è d’oro

Nella rassegna dei trend più importanti per l’anno prossimo in fatto di business, tecnologia e design, Fjord – sigla di design parte di Accenture Interactive – rileva come il digitale stia rischiando l’implosione

La tendenza decluttering, salita agli onori delle cronache come strategia per gestire un guardaroba troppo pieno di cose inutili, si è trasferita nel mondo digital.

Nella tradizionale rassegna dei trend più importanti per l’anno prossimo in fatto di business, tecnologia e design, Fjord – sigla di design strategico parte di Accenture Interactive – rileva come ormai il digitale stia rischiando l’implosione.

In due decenni di crescita esponenziale e innovazioni che si accavallano l’una sull’altra l’attenzione delle persone è ormai satura e per le aziende è arrivato il momento di fare pulizia, mettendo al centro i bisogni degli utenti e, anche qui, un ritorno ai valori umani: mentre prima le persone apparivano affamate di novità, eccitazione e gratificazione istantanea, adesso cercano pace e significato in un mondo diventato troppo rumoroso.

Si tratta di un aspetto che cambia la natura dei rapporti con tecnologie e brand, e che porta ad evitare le proposte che non rispondono a questo nuovo sentire.

Mark Curtis, co-founder e chief client officer di Fjord, commenta «Per il digitale è il momento delle pulizie di primavera, un momento in cui si decide se qualcosa abbia ancora un valore e quanto sia rilevante nelle nostre vite. Il digitale non è più una novità. Le persone son diventate più selettive sui prodotti e servizi che includono nelle loro vite, scegliendo di disconnettersi, disiscriversi e negare il proprio consenso se lo scambio non è ritenuto equo. Mai prima d’ora la responsabilità del design è stata così importante».

Sono sette i trend che l’agenzia, attraverso discussioni con gli oltre 1000 designer nelle sue 28 sedi nel mondo, ha ritenuto importanti per la creazione di esperienze significative e in linea con il nuovo mood.

1 – Il silenzio è d’oro. Liberarsi del di più è una questione di salute mentale. Attraverso un design sensibile e consapevole i brand possono trovare una strada  per farsi sentire dalle persone che cercano tranquillità in un mondo rumoroso.

2 – L’ultima cannuccia. Le persone si aspettano che i prodotti vengano progettati sostenibili sin dall’origine, altrimenti li scartano.

3 – Data minimalism. C’è scollamento su quello che le persone e le aziende pensano riguardo al valore dei dati personali. La trasparenza sarà la chiave per mediare tra le due posizioni?

4 – Giù dal marciapiede. Tra droni e mobilità elettrica, la mobilità urbana ha reso le città più accessibili. Però c’è bisogno di un sistema unificato per soddisfare i  bisogni in tempo reale.

5 – Il paradosso dell’inclusività. Le voci si moltiplicano, le opinioni si frammentano. Il problema per i brand è disegnare prodotti per tutti, senza inavvertitamente escludere qualcuno. Un buon inizio è iniziare a smettere di pensare alle persone segmentandole.

6- Space Odyssey. Gli spazi di lavoro e di vendita hanno bisogno di un restyling digitale, ripensando l’approccio e gli strumenti per disegnare tali spazi.

7 – Realtà sintetiche. Oggi la realtà può essere creata su misura e prodotta artificialmente. Tecnologie per cambiare volto e simulare la voce sono in grado di creare realtà sintetiche e le aziende dovranno capire come capitalizzare il fenomeno ma soprattutto come gestire il rischio.

SCARICA IL REPORT

CONSULTA LA VERSIONE INTERATTIVA

E’ ora di fare pulizia del chiasso digitale che ha stufato gli utenti. Nei trend per il 2019 Fjord il silenzio è d’oro ultima modifica: 2018-12-13T14:56:55+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment