Samsung apre una finestra sulla savana africana con il progetto Wildlife Watch contro la caccia di frodo

Mira a combattere la caccia di frodo nella savana africana ma nel frattempo permette a chiunque, da casa, di ammirare leoni, giraffe, gazzelle, elefanti nel loro ambiente naturale.

Si tratta del progetto Wildlife Watch, lanciato poche settimane fa da Samsung insieme all’agenzia Edelman e in collaborazione con Africam, un gruppo di appassionati di animali selvatici che connette il pubblico alle immagini e ai suoni dal vivo della savana.

Samsung ha infatti installato nella Riserva Naturale di Balule, in Sudafrica, all’interno del Kruger National Park, quattro smartphone Samsung Galaxy S20 Fan Edition le cui fotocamere riprendono immagini dal vivo trasmesse in streaming 24 ore su 24, 7 giorni su 7 sul sito Wildlife Watch. La dotazione ha aumentato di oltre il 50% la portata dell’infrastruttura Africam già esistente.

Monitorando le immagini in diretta ci si potrà improvvisare ranger virtuali per aiutare a proteggere dalla caccia illegale le specie in via d’estinzione e aiutare la “Black Mamba Anti-Poaching Unit”, un’unità composta da sole donne che utilizza metodi non violenti per prevenire la caccia di frodo, pratica aumentata durante la pandemia poiché i cacciatori illegali approfittano dell’improvviso calo del turismo.

Quando si nota un animale in difficoltà o possibili segnali di caccia di frodo, si possono segnalare ai ranger postando le immagini sui social: una modalità che funge anche da incoraggiamento per altri utenti, invitandoli a effettuare donazioni a “Black Mamba Anti-Poaching Unit” e a prendere parte al progetto. Con le diverse visuali disponibili, non si vedono mai due volte le stesse immagini, ed è possibile osservare più da vicino elefanti, leoni e persino giraffe nel loro ambiente naturale, comodamente dal proprio divano.

Una jeep camouflage equipaggiata con Samsung Galaxy S20 FE sarà, inoltre, utilizzata dai ranger per la sorveglianza, e il live streaming porterà gli utenti più vicini ai ranger e alle loro attività quotidiane. Gli smartphone vengono inoltre riutilizzati come telecamere a circuito chiuso per le recinzioni perimetrali, idea che sposa il programma Galaxy Upcycling volto a risolvere necessità sociali, allungare il ciclo di vita dei prodotti e ridurre gli sprechi, attribuendo nuovi ruoli ai dispositivi.

L’iniziativa, attiva fino al 2 maggio, è sostenuta dalla DJ, produttrice e fashion designer Peggy Gou, nata in Corea del Sud e residente a Berlino, che si impegna a promuovere il progetto e a incoraggiare le persone a prendervi parte, sensibilizzandole sul tema.

Samsung apre una finestra sulla savana africana con il progetto Wildlife Watch contro la caccia di frodo ultima modifica: 2021-04-12T18:08:41+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment