Enit lancia una Open Library di immagini dell’Italia con licenza Creative Commons

Sono migliaia le immagini sulla piattaforma Open Library di Enit, l’ente nazionale del turismo italiano, creata con l’intento di distribuire foto che raccontano l’Italia con licenza Creative Commons, ovvero libere da diritti e accessibili a tutti.

Si tratta di un progetto in continua evoluzione che verrà realizzato anche con la collaborazione degli utenti: previa selezione, chiunque potrà collaborare alla costruzione dell’archivio realizzato insieme alle Regioni italiane. Il database è flessibile e gestito grazie a un sistema semplificato che consente anche di manipolare alcune foto, di geolocalizzarle e di rintracciare titolo, autore e credits con classificazioni per tag e aree geografiche.

Teatro Olimpico Vicenza. Credit: Regione Veneto

Come spiega Enit, Open Library è il primo database nazionale di foto distribuite con licenze Creative Commons che ne stabilisce precise condizioni di utilizzo, indicate dall’autore del contenuto, che dovranno essere rispettate da ciascun fruitore.

Il progetto ha attinto alle esperienze di openlib.emiliaromagnaturismo.it, database di elementi multimediali che oggi conta 23.000 immagini, distribuiti gratuitamente e accessibili a tutti gli utenti web, “costola” di photo.aptservizi.com, primo archivio fotografico online sviluppato nel 2015 da APT Servizi Emilia Romagna.

Le immagini sono state ottenute grazie a numerose edizioni di Wiki Loves Monuments, edizione italiana del concorso fotografico dedicato ai monumenti, oppure messe a disposizione di Apt Servizi Emilia Romagna ed enti locali della regione quali province, redazioni locali e destinazioni turistiche.

Enit lancia una Open Library di immagini dell’Italia con licenza Creative Commons ultima modifica: 2021-06-21T11:15:48+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment