Epica Awards 2019 leaderboard
 

L’eCommerce B2c continua la sua corsa per colmare il divario che separa l’Italia dai mercati più maturi

Secondo l’Osservatorio eCommerce B2c della School of Management del Politecnico e Netcomm nel 2017 lo shopping online nel nostro paese vale 23,6 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto al 2016. Per la prima volta il valore degli acquisti di prodotti, con 12,2 miliardi di euro e un incremento del 28%, supera quello dei servizi (11,4 miliardi, +7%), ma il turismo rimane sempre il primo settore per valore, con 9,2 miliardi di euro e una crescita del 7%.

Visione, coraggio e perseveranza sono le parole chiave di quest’ultima edizione dell’Osservatorio eCommerce B2c, necessarie per superare il gap che separa l’Italia dai mercati più maturi. Per Roberto Liscia, presidente Netcomm, i dati sono incoraggianti “anche se ancora non sufficienti a dichiarare maturo e dinamico il settore nel nostro paese, dove i modelli di business stanno cambiando rapidamente e facilitando i nuovi entranti”. Per Liscia l’approccio spesso sperimentale e poco convinto all’eCommerce da parte di molti operatori tradizionali italiani “è la conseguenza del fatto che essi non hanno dedicato né il giusto impegno né le loro migliori risorse a un progetto strategico che, invece, sta diventando il vero motore delle economie avanzate”.

Più prodotti che servizi è la prima grande novità segnalata dall’Osservatorio B2c, con l’elettronica di consumo al primo posto con 4 miliardi e +28% rispetto allo scorso anno; segue l’abbigliamento con 2,5 miliardi e lo stesso tasso di incremento; Food & Grocery e Arredamento con 900 milioni ciascuno e rispettivamente +43% e +31% superano l’editoria, a quota 840 milioni e in crescita del 22%. Gli acquisti online valgono oggi il 5,7% del totale retail (erano il 4,9% nel 2016), ma il settore Food & Grocery è ancora fermo allo 0,5% in virtù del fatto che oggi solo il 15% della popolazione può fare online la spesa da supermercato con un livello di servizio idoneo, mentre un altro 55% ha accesso solo potenziale all’eCommerce grazie a iniziative che Valentina Pontiggia, direttore dell’Osservatorio eCommerce b2, definisce “sperimentali, isolate e con limitata capacità”.

Gli acquisti da smartphone crescono. Nel 2017 1/3 degli acquisti eCommerce, a valore, è concluso attraverso smartphone o tablet, con lo smartphone che concorre per il 25%.

Web shopper Italiani, tra abituali e sporadici. Nel 2017 i consumatori che hanno effettuato almeno un acquisto online nell’anno sono 22 milioni (+ 10%) e di questi 16,2 milioni fanno almeno 1 acquisto al mese generando il 93% della domanda totale eCommerce (a valore).

Cresce l’export. Il valore delle vendite da siti italiani a consumatori stranieri vale 3,5 miliardi di euro e rappresenta il 16% delle vendite eCommerce totali. I prodotti, grazie a una crescita del 19%, valgono 2,3 miliardi di euro e rappresentano il 67% delle vendite oltre-confine.

L’eCommerce B2c continua la sua corsa per colmare il divario che separa l’Italia dai mercati più maturi ultima modifica: 2017-10-11T14:25:52+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment