Uci Cinemas sett20 1000×150
 

Erreà è per lo sport pulito nella campagna di Mosquito

L’agenzia guidata da Vincenzo Vigo ha realizzato 5 spot e 12 soggetti stampa che raccontano la qualità del brand

Parte in questi giorni la nuova campagna ideata da Mosquito, sigla guidata da Vincenzo Vigo, per Erreà, azienda italiana di abbigliamento sportivo.
Si tratta di cinque spot e dodici soggetti stampa che, attraverso diverse discipline come il basket, il calcio, il rugby, il volley e il running, raccontano l’eccellente qualità e la sicurezza dei prodotti Erreà.

Erreà è per lo sport pulito nella campagna di Mosquito

L’azienda parmense, infatti, è stata la prima del settore teamwear in Europa ad ottenere già nel 2007 la certificazione OekoTex Standard 100, un attestato che garantisce la sicurezza dei suoi capi in qualsiasi condizione di impiego.

I cinque soggetti, con un linguaggio lieve e ironico, ci mostrano atleti non professionisti in azione. Alcuni di loro hanno scelto Erreà, altri invece devono fare i conti con indumenti di dubbia provenienza. Una scelta che, in qualche modo, li penalizzerà. A volte anche dopo l’impegno sportivo.

Nel soggetto “Running”, il primo ad essere presentato, vediamo un gruppo di ragazzi che si allena su una pista cittadina. Uno di loro, l’unico che non ha scelto una maglia Erreà, a un certo punto deve fronteggiare un attacco improvviso di prurito a causa del tessuto scadente che indossa, col risultato di perdere irrimediabilmente terreno rispetto al resto dei runner.

Un super commenta: “Il tuo peggior avversario? Non lo stai affrontando. Lo stai indossando”.
Chiude il logo Erreà e il claim: “Siamo per lo sport pulito. Anche sulla pelle”.

Hanno lavorato alla campagna i direttori creativi Vincenzo Vigo e Alessandro Izzillo, il copy Leonardo Manzini e l’art Francesco di Modugno.
Gli spot sono stati realizzati dalla casa di produzione Chiarafama, con la regia di Giovanni Troilo e Graziano Conversano.

Erreà è per lo sport pulito nella campagna di Mosquito ultima modifica: 2019-03-27T12:13:24+01:00 da editorbrand01

Tags:

,

Related posts

Comment