Ikea on air per ispirare al cambiamento. Laura Schiatti (marketing manager): «Entro fine anno un nuovo spot»

Con la marketing manager di Ikea Italia, Laura Schiatti, abbiamo approfondito i temi della nuova campagna pubblicitaria e fatto il punto sull’ultima edizione dell’Ikea Festival, appena conclusa

Ikea on air per ispirare al cambiamento. Laura Schiatti (marketing manager): «Entro fine anno un nuovo spot»
Laura Schiatti, marketing manager di Ikea Italia

Con il rientro dalle vacanze il desiderio di cambiare e rivoluzionare gli angoli della casa è forte. Ikea ha deciso di cavalcare questo trend puntando sul tema del cambiamento con la nuova edizione dell’Ikea Festival, che si è svolta in Italia e nel mondo dal 26 agosto al 10 settembre. E sempre sul cambiamento gioca anche la nuova campagna pubblicitaria dell’insegna, al via dalla scorsa settimana con un piano media curato da Wavemaker e creatività di McCann Madrid.

Con Laura Schiatti, marketing manager di Ikea Italia, abbiamo approfondito i temi della nuova campagna e fatto il punto sull’ultima edizione del festival.

«La nuova campagna di videocomunicazione è on air dall’11 settembre e vuole ispirare la maggioranza delle persone dimostrando che i cambiamenti possono essere uno stimolo positivo ad inseguire sogni e passioni e migliorare la propria quotidianità. Per farlo, abbiamo scelto due soggetti video che raccontano momenti di vita che accomunano tutti: la crescita individuale e il raggiungimento dei propri obiettivi. La campagna da tv nazionale e smart tv avrà un atterraggio su digital display e sui nostri canali social e proseguirà con nuovi video nei prossimi mesi dell’anno. Una piccola anticipazione: entro la fine dell’anno, la campagna si arricchirà di un nuovo soggetto che racconta il cambiamento dal punto di vista delle relazioni sociali e del design che le può abilitare, dove l’iconica libreria Billy diventa uno spazio di book sharing condominiale, rappresentando così un momento di socializzazione per una piccola comunità».

Di trasformazione degli spazi avete parlato anche durante l’ultima edizione di Ikea Festival. Rispetto ai Festival precedenti, su cosa vi siete concentrati?

«Il tratto in comune di tutti gli Ikea Festival è la celebrazione della vita in casa. Il tema centrale dell’edizione che si è appena conclusa è stato proprio la creatività intesa come ciò che ci consente di trasformare gli spazi e accogliere il cambiamento. Con questa iniziativa, infatti, abbiamo voluto promuovere una creatività che fosse alla portata di tutti, mostrando come dare una nuova vita ai nostri prodotti iconici e come personalizzarli secondo il proprio stile e le proprie esigenze, con pochi e semplici accorgimenti. Perché, come recita il nostro claim: “C’è sempre una novità per chi ha voglia di cambiare”»

Quali sono gli obiettivi che vi siete prefissati con questo Festival rispetto alle più tradizionali attività di comunicazione?

«Coinvolgere i nostri consumatori di tutte le età e ispirarli ad esprimere la propria creatività in casa. Per farlo, abbiamo deciso di mettere a loro disposizione un’esperienza multicanale, ossia attività in store e contenuti fruibili su una piattaforma online, realizzati con contributi provenienti da tutto il mondo e dedicati ai temi legati alla vita in casa»

In merito al particolare momento socio-economico, temete ripercussioni per l’inflazione? Come pensate di rispondere come azienda, nota per offrire opzioni accessibili?

«L’accessibilità continua a essere un elemento chiave per noi di Ikea e la nostra intenzione rimane sempre quella di mantenere i prezzi il più bassi possibile anche se, come tutte le imprese, i rivenditori e il pubblico generale, non siamo immuni dagli sviluppi macroeconomici di questo momento storico».

Ikea on air per ispirare al cambiamento. Laura Schiatti (marketing manager): «Entro fine anno un nuovo spot» ultima modifica: 2022-09-19T10:25:00+02:00 da Redazione

Related posts