Toyota crea Woven City, città e lab vivente per testare le tecnologie smart

Si chiamerà Woven City il centro abitato che Toyota vuole creare per testare ‘live’ le proprie tecnologie per la smart city, smart home, intelligenza artificiale e mobilità connessa e ad idrogeno.

In pratica, un prototipo grande oltre 700mila metri quadri ai piedi del monte Fuji, che sorgerà sul terreno di una fabbrica Toyota chiusa recentemente.

La città-laboratorio sarà realmente abitata da circa 2.000 residenti, inizialmente, in parte dipendenti dell’azienda insieme a famiglie, coppie in pensione, negozianti, e da ricercatori interni e di aziende partner che potranno vedere come effettivamente funzionano le loro idee.

Secondo i piani, Woven City dovrebbe essere inaugurata nei primi mesi del 2021. Del progetto si occupa l’architetto danese Bjarke Ingels, che con il suo studio BIG ha firmato i progetti del 2 World Trade Center e gli uffici di Google a Mountain View e Londra.

La topografia della città prevede tre livelli di percorsi: uno dove viaggeranno i veicoli veloci, uno per veicoli lenti, strumenti di mobilità personale e pedoni e una promenade alberata per il solo traffico pedonale. I tre tipi di strade si intersecano formando la griglia che dà appunto il nome alla città e permetterà ad accelerare i test sulla mobilità autonoma.

L’architettura sarà ispirata a quella tradizionale giapponese, con edifici in legno ma dotati di tecnologie robotiche, la cui efficienza energetica è garantita da pannelli fotovoltaici e tecnologie all’idrogeno. Per le strade circoleranno solo vetture 100% autonome, a zero emissioni, insieme ai veicoli Toyota e-Palettes per il trasporto di cose e persone e sotto forma di piccoli negozi ambulanti.

In tutta questa tecnologia non è stato dimenticato l’aspetto umano: al centro della città sono stati previsti un grande parco e una piazza che incentivano la vita sociale.

Toyota crea Woven City, città e lab vivente per testare le tecnologie smart ultima modifica: 2020-01-08T14:41:10+00:00 da editorbrand01

Related posts

Comment