Onlineprinters settembre 2020
 

Cuki racconta le buone abitudini alimentari con Armando Testa e Media Italia

Armando Testa firma la campagna digitale multisoggetto di Cuki: 7 semplici regole per ridurre la quantità di cibo che finisce, ogni giorno, nella spazzatura.  La pianificazione media è a cura di Media Italia

Cuki prosegue il suo impegno nella lotta allo spreco alimentare con la nuova campagna “Le Buone Abitudini” realizzata da Armando Testa con il supporto di Banco Alimentare: 7 semplici regole che possono aiutare tutti a ridurre sensibilmente la quantità di cibo che finisce, ogni giorno, nella spazzatura.

Cuki racconta le buone abitudini alimentari con Armando Testa e Media Italia

La campagna multi soggetto parte dai dati di Banco Alimentare sulla situazione attuale per evidenziare il problema e fornire utili consigli di gestione della propria spesa, a partire da una corretta pianificazione e conservazione degli alimenti, fino alla guida per un’attenta lettura delle date di scadenza.

Le 7 “missioni” di Cuki contro lo spreco alimentare sono raccontate attraverso video animati online su una landing page (https://www.cuki.it/le-buone-abitudini); una raccolta di specifici approfondimenti che suggeriscono il corretto utilizzo di prodotti monouso sostenibili e di qualità contro lo spreco di cibo e certificano l’impegno del brand nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.

Un’operazione “manifesto” frutto di una più ampia content strategy digitale, perfettamente allineata alla mission del brand che lavora, da sempre, per una migliore gestione degli alimenti nel rispetto dell’uomo e del pianeta.

 

CREDITS

Cliente: Cuki Cofresco
Direttore Marketing: Carlo Bertolino
Agenzia: Armando Testa
Direzione Creativa: Antonello Falcone
Creative team: Fabio Camera, Raffaele Pignataro
Social Media Manager: Fabio Cuscunà
Project Manager: Francesca Romaldo
Pianificazione: Media Italia

Cuki racconta le buone abitudini alimentari con Armando Testa e Media Italia ultima modifica: 2020-06-24T10:00:57+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment