Levissima sfrutta il ‘Nudging’ nella nuova campagna social firmata da Ogilvy Change

Un’innovativa teoria di economia comportamentale, tradotta come “spinta gentile”, alla base della  nuova campagna social di Levissima che vive attraverso il formato Canvas di Facebook

Levissima vara una nuova campagna social firmata dalla unit Ogilvy Change dell’agenzia Ogilvy & Mather Italia.

Lo scopo è aiutare i fan della propria pagina Facebook a raggiungere l’obiettivo prefissato. Lo strumento è una innovativa strategia di economia comportamentale, adottata oggi dalle politiche sociali di 136 nazioni, chiamata “Nudging”. In italiano si traduce come “spinta gentile” e l’immagine che meglio la rappresenta è quella di un animale che incoraggia il proprio cucciolo a camminare, dandogli piccole spinte con il muso. Nel linguaggio dei social, una serie di post che suggeriscono “trucchetti” semplici ma di grande efficacia, che permettono di ritrovare ogni giorno la motivazione e conquistare così la propria vetta.

La campagna vive attraverso il “Canvas”, uno dei più recenti formati sviluppati dal social network, che consente all’utente una full immersion a tutto schermo nella creatività tramite dispositivo mobile.

I primi tre canvas pubblicati hanno generato in totale quasi 21 milioni di visualizzazioni e 9mila interazioni.

post2_levissima_nudging

Ma cos’è esattamente il Nudging e come funziona? L’idea di fondo è quella che basta cambiare “l’architettura” del contesto, per essere facilitati a fare la scelta giusta. Piccoli espedienti che, dall’istruzione, all’assistenza sanitaria, al risparmio energetico, fino all’automotivazione, introducono lievi cambiamenti, capaci però di portare grandi risultati.

La rivista inglese The Telegraph l’ha definito “A new way of thinking” e gli speaker della TED Conference hanno dedicato al tema un ciclo di sei incontri, dagli stratagemmi per smettere di fumare a “Come il Nudging può salvare una vita?”.

A renderlo popolare, il bestseller “Nudge. Improving Decisions about Health, Wealth, and Happiness”, firmato dagli studiosi americani Cass Sunstein e Richard Thaler, tradotto in Italia da Feltrinelli. E le sue applicazioni entrano nei piani educativi degli Stati, così come nelle strategie di marketing delle aziende, dalla banca HSBC fino a Levissima.

CREDITS

Agenzia: Ogilvy & Mather Italy
Filippo Ferraro: Head of Planning di Ogilvy & Mather Advertising
Anna Fusillo: UX & Choice Achitect di OgilvyOne e Ogilvy Change
Emanuela Lovotti: Choice Architect Ogilvy Change
Senior Art Director: Matteo Pelo
Senior Copywriter: Alberto Crignola
Junior Art Director: Tatiana Silvestri

Levissima sfrutta il ‘Nudging’ nella nuova campagna social firmata da Ogilvy Change ultima modifica: 2016-09-26T16:56:13+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment