Onlineprinters nov-dic 2020
 

Greg Lyons, CMO PepsiCo: “Non dobbiamo mai perdere l’empatia e il contatto con i consumatori”

Nella nuova edizione dei Lions Live il CMO di PepsiCo ha raccontato come si sta organizzando il team nonostante il distanziamento e dell’importanza di conciliare dati e umanità nel marketing

Negli scorsi 7-8 mesi il modo di lavorare è cambiato completamente, il distanziamento ha reso impossibile incontrare faccia a faccia tutta la squadra e ha modificato sensibilmente le abitudini dei consumatori.

Nel corso della prima giornata dei Lions Live, Greg Lyons, chief marketing officer di PepsiCo, risponde all’intervista di Charles Day, fondatore di The Lookinglass, dalla sua nuova casa a Ridgefield, nel Connecticut, nella quale si è trasferito da poche settimane. Lo smartworking è diventato un’abitudine per tutto il team di marketing, le video chat  – nelle quali non si parla solo di lavoro, ma anche si conversa per non perdere il contatto umano –  ordinaria amministrazione, con appuntamenti fissi al lunedì e al venerdì per definire il lavoro della settimana e tirare le somme.

“Essere autentici e più aperti possibile è diventato ancora più importante“ dice Lyons, sottolineando l’importanza di tenersi in contatto frequentemente e costruire fiducia reciproca.

Nonostante tutte queste difficoltà operative, il team ha dovuto prendere decisioni velocemente e per questo è stato importantissimo il lavoro di ascolto dei consumatori. «Abbiamo uno strumento per stare al passo con i desideri e la mentalità dei consumatori. Una volta al mese ogni persona del team ha un incontro con persone, il core target dei brand, per capire cosa succede nella loro vita reale».

Anche i dati sono uno strumento importante, ma senza perdere di vista l’umanità. «Uno non sostituisce l’altro. Certo usiamo strumenti sofisticati che ci aiutano a comporre una visione d’insieme ma se non entriamo in empatia con il consumatore, non potremmo capire dove sta andando e potremmo prendere cattive decisioni. La relazione del brand con i suoi consumatori non può essere solo  funzionale a una transazione. Certo oggi abbiamo una mentalità più orientata al performance marketing rispetto al passato, ma senza perdere di vista l’empatia e la creatività”.

Conta più la pancia o i dati nel prendere le decisioni? “Direi la pancia – dice Lyons – ma con il supporto di solidi dati. Oppure, se abbiamo dei dubbi, cerchiamo un supporto nei dati. Per quel che mi riguarda posso dire che uso più la pancia che i dati, ma la mia ormai è informata dai dati”.

Greg Lyons, CMO PepsiCo: “Non dobbiamo mai perdere l’empatia e il contatto con i consumatori” ultima modifica: 2020-10-20T11:00:25+02:00 da editorbrand01

Related posts

Comment